venerdì 7 gennaio 2011

La Pietra di Blarney (Cloch na Blarnan)


Il Castello di Blarney e il parapetto con la Pietra visto dal basso
 La cosiddetta Blarney Stone (Gaelico irlandese : Cloch na Blarnan) è un blocco di pietra incorporato nella merlatura del castello di Blarney , a circa 8 km da Cork , Irlanda . Secondo la leggenda, baciando la pietra con un preciso rituale, si conferisce il dono dell’eloquenza e dell’adulazione. La pietra pare sia stata incorporata in una torre del castello dopo la realizzazione del castello, e che quindi non facesse parte della costruzione originaria (la fortificazione in pietra risale all’anno 1210 circa). Il castello e i suoi giardini (anch’essi ricchi di leggende popolari che esamineremo in un post successivo) sono ,al giorno d’oggi, una popolare meta turistica, che attira ogni anno migliaia di persone da tutto il mondo.

Grazie alla leggenda che riguarda la Pietra, la parola “blarney” ha acquistato il significato di “lusinghiero” o “parlantina intelligente” (ottimo esempio di come il folklore influisce da sempre sulla vita quotidiana).
Alcune antiche storie sulla pietra riguardano addirittura Clíodhna, una Dea del panteon Celtico.
Secondo questi racconti, capitò a Cormac MacCarthy Laidir , il costruttore del Castello di Blarney, di essere coinvolto in un processo. Egli si appellò allora alla Dea Clíodhna per ottenere assistenza in questo confronto legale. La Dea gli consigliò di baciare la prima pietra che avesse incontrato sulla strada per la Corte, la mattina dell’appello. Cormac seguì il consiglio divino, ed infatti quel giorno vinse la causa senza problemi, utilizzando una parlantina sciola ed estremamente convincente. Dopo questo intervento divino, la pietra in questione acquistò la capacità di infondere il dono dell’eloquenza, ovvero di “ingannare senza offendere”, a chi l’avesse baciata. In seguito MacCarthy decise di incorporare la pietra che l’aveva tratto di impaccio nel parapetto del suo castello.
McGlen sperimenta il Folklore in prima persona!
Esistono tuttavia molte altre storie sull’origine della Pietra. Alcune di queste narrano che la Pietra, originaria dell’Irlanda, fosse stata portata per un certo periodo in Scozia, prima di ritornare definitivamente in Irlanda nel 1314 circa. Altre versioni raccontano che la Pietra fosse un pezzo di pietra di Scone, donata a Cormac McCarthy da Robert Bruce proprio ne 1314, come ricompensa e segno di amicizia per l’aiuto prestato nella Battaglia di Bannockburn. Anche se molto conosciuta, questa leggenda popolare non tiene di conto del fatto che, se le cose fossero andate così veramente, la Pietra avrebbe dovuto lasciare la Scozia 18 anni prima di Bannockburn! Un’altra storia riporta che la pietra venne donata a McCarthy dalla Regina Elisabetta I, impressionata dalla capacità oratoria di quest’ultimo, in grado di giurare fedeltà alla Corona Inglese e impegnandosi in un rapporto di vassallaggio, senza tuttavia andare ad intaccare o sminuire la propria indipendenza e le proprie richieste, senza venir meno agli impegni appena presi, un vero venditore di fumo insomma!
Il rituale di baciare la Pietra di Blarney pare che sia stato eseguito negli anni da “milioni di persone”, stando almeno a quanto riferito dagli attuali proprietari, compresi molti personaggi di spicco e grandi statisti, compreso lo stesso Winston Churchill. Il bacio, per poter funzionare, deve però essere dato secondo una precisa maniera: l’aspirante oratore dovrà salire la ripita e tortuosa scala che porta alla sommità del castello, sporgersi all’indierto dal parapetto e, finalmente, baciare la Pietra da questa scomoda e pericolosa posizione. Attualmente il parapetto ha delle protezioni in ferro e il bacio avviene con l’aiuto di un assistente, ma l’esperienza comporta ancora forti emozioni e attacchi di vertigini, come da me stesso sperimentato!

3 commenti:

Glòsòli ha detto...

L'ho fatto! Le ho dato un bacio passionale e molto sentito, giusto per essere sicuro di diventare eloquente. Ricordo che anche Churchill l'ha baciata, come altre persone a noi note, che al momento non mi sovvengono.
Una curiosa coincidenza? Uno dei più grandi scrittori americani contemporanei, vincitore del premio pulitzer del 2007, si chiama come il costruttore, Cormac McCarthy (autore di The road, Non è un paese per vecchi, Trilogia della frontiera, Suttre ecc...)

Complimenti per l'articolo!

Antonio from Italy ha detto...

Non mi sono osato, lo fece mia moglie oltre 16 anni fa mentre io immortalavo il momento.
Mi dicono che ora non sarebbe più possibile fotografare l'amico che si sporge a baciare la pietra in quanto vi è un fotografo ufficiale che poi vende la foto.
Più che il castello e la sua pietra, noi apprezzammo moltissimo i giardino circostanti. Non siamo mai più entrati, anche perché il biglietto ultimamente è diventato decisamente caro!

McGlen ha detto...

Posso assicurare che è ancora possibile fare foto fai da te al bacio della Pietra, infatti la foto che mi ritrae me l'ha scattata mia moglie (che si è rifiutata categoricamente di provare!). E' vero anche che c'è il fotografo ufficiale che ti vende la foto a una cifra assurda (18 euro!!!).